Dirigenza amministrativa

Il Tribunale di Ancona è organizzato in tre aree: due, civile e penale, che seguono, in linea di massima, le articolazioni delle Sezioni giurisdizionali dell'Ufficio; la terza che si occupa dei servizi amministrativi. Le prime due sono articolate in settori e questi ultimi in servizi.

L'area civile è articolata nei settori contenzioso (con i servizi: contenzioso ordinario e procedimenti cautelari e sommari), lavoro e previdenza, volontaria giurisdizione, esecuzioni mobiliari e immobiliari (con il servizio depositi giudiziari), procedure concorsuali e fallimenti.

L'area penale e dei servizi vari è articolata nei settori Giudice Indagini Preliminari / Giudice Udienza Preliminare (con i servizi: cancelleria GIP, cancelleria GUP, decreti penali, ufficio postdefinizione processi), Dibattimento penale (con i servizi della cancelleria dibattimento ordinario e Corte di Assise, e ufficio postdefinizione processi), Tribunale del riesame, Ufficio corpi di reato.

L'area amministrativa, si occupa delle risorse umane (personale di magistratura e amministrativo) e materiali (beni e servizi), nonché dei servizi contabili, ed è suddivisa nei settori: segreteria Presidente e magistrati, protocollo-corrispondenza-archivio, ufficio personale amministrativo, gestione economato e beni patrimoniali, , informatica, ufficio spese di giustizia, ufficio recupero crediti, ufficio del funzionario delegato per le spese di giustizia.

La direzione di questa complessa struttura è affidata, secondo gli indirizzi del Presidente del Tribunale, ad un Dirigente dello Stato, con le attribuzioni di cui al Decreto Legislativo n° 165 del 2001 e, con particolare riguardo agli Uffici Giudiziari, al Decreto Legislativo n° 240 del 2006.